close
News

Minimalismo e coerenza nell’arredare un ristorante

arredo_ristorante

Il modo migliore per invogliare un cliente di passaggio ad entrare nel vostro locale è quello di fare attenzione ai dettagli estetici, trasmettendo una sensazione positiva di candore e rigorosa pulizia.

La prima impressione è infatti la più importante, il vero ago della bilancia nel giudizio complessivo che un cliente avrà del vostro locale.

Minimalismo é la parola chiave per trasferire questo concetto, infatti se un locale è arredato in maniera sbagliata, con soluzioni di arredo eccessive e confusionarie, darà l’idea di essere vecchio e polveroso, anche se avete appena chiamato l’impresa di pulizie di CSI per disinfettare minuziosamente la ‘scena’.

Passando per le vie del centro saremo comunemente più invogliati ad entrare in locale in stile loft scandinavo piuttosto che da uno tipo ‘sepolti in casa’ di Realtime.

Questo perché meno oggetti inutili riempiono l’ambiente, più chiari sono i colori che accoglieranno il cliente all’ingresso e più il ristorante apparirà fresco e arioso.

Altra tappa fondamentale nella scelta di come arredare il locale è la coerenza.

Se si sceglie un tema è necessario seguirlo per intero, senza divagare in altri stili.

Questo non significa che se abbiamo deciso che il tema portante del nostro ristorante sarà un colore come il verde, ogni singolo oggetto, dalle pareti alle stoviglie, sarà verde (magari anche di tonalità diverse), ma bisogna invece cercare un equilibrio, utilizzare per esempio un colore neutro accompagnato da piccoli elementi ricorrenti della stessa tonalità di verde, per esempio tovaglie e pareti bianche, portamenu da tavolo e segna posto verdi.

Il colore è solo un esempio, lo stesso discorso si può fare se scegliamo un qualsiasi altro tema, l’equilibrio tra coerenza e minimalismo è l’aspetto più importante in fase di progettazione, evita di creare confusione e senso di disordine nel cliente, che lo porteranno a giudicare il ristorante, attraverso un breve collegamento associativo, con una mancanza di igiene.

Bisogna non dimenticare che se anni addietro i clienti erano attratti dagli ambienti pomposi tipo rococò, che rimandavano ad un senso di sfarzo e di lusso, oggi sono attenti soprattutto alla pulizia.

Ogni dettaglio deve essere quindi curato con attenzione, valutando l’impatto visivo ed emozionale sul cliente, tenete in considerazione che una sensazione di disagio influirà anche sulla percezione stessa dei piatti che proporrete, limitando in maniera drastica il vostro lavoro.

Lascia un Commento