close
barbery-muriel-estasi-culinarie

Dall’autrice del best seller “L’eleganza del riccio”, il primo libro di Muriel Barbery: un libretto piacevole e curioso; in cui è il cibo il protagonista assoluto.

Una parabola sulla vita e sulla morte; sull’eterna ricerca di ciò che è realtà e ciò che è apparenza.

Nel signorile palazzo di rue de Grenelle, il più blasonato critico gastronomico del mondo è in punto di morte. Ed è alla ricerca disperata di un antico sapore sepolto nella sua memoria che proprio non riesce a far riaffiorare.

Inizia, quindi, un percorso fatto di ricordi alla ricerca di questo “gusto perduto”, alternato alle riflessioni di coloro che gli sono stati accanto: la portinaia, i figli, gli chef.

Il signo Arthens è arrogante, ha distrutto carriere, ha odiato e si è fatto odiare profondamente. Tutto trasuda rancore e tutti sperano che quell’uomo, che tanto ha amato il cibo e altrettanto ha odiato gli uomini, muoia.

Ma la cosa più tragica è che, proprio in punto di morte, quest’uomo non riesce a trovare le parole . Ha perso il gusto, non sa descrivere quel sapore perso nel tempo.

Forse un sapore semplice e infantile: il comune denominatore di tutti i sapori.

Edizioni e/o
Pagine: 145

Tags : barbery murielcritica gastronomicaestasi culinariel'eleganza del riccio

Lascia un Commento